Surrounding

Gardaland

Gardaland è il parco divertimenti più grande d’Italia, situato in località Ronchi nel comune di Castelnuovo del Garda, nella provincia di Verona.

visita il sito
come arrivare

Natura Viva

Parco faunistico da visitare a piedi e con il camper per vedere gli animali nel loro habitat.

visita il sito

Sigurtà

Parco Giardino di 600.000 mq uno dei giardini botanici più straordinari al mondo.

visita il sito

Monzambano

Piccola perla adagiata sulle colline moreniche che circondano il Lago di Garda e lambita dal fiume Mincio, offre un paesaggio suggestivo, tra vigneti cipressi e ulivi.
Da vedere è il Castello Medievale, un castello di frontiera, che conserva all’interno la chiesetta dedicata a S.Biagio;
la Parrocchiale, dedicata a S.Michele Arcangelo, di stile barocco e con l’interno ben adornato;
la Chiesa della Disciplina, di origine romanica.

Castellaro Lagusello ( 6km )

Inserito nei “Borghi più belli d’Italia”, Bandiera Arancione del Touring Club e di recente dichiarato dall’UNESCO Patrimonio dell’Umanità, è un borgo medievale ben conservato e custodito. Circondato da una cinta muraria con merli guelfi, deve il suo nome alla presenza anche di un piccolo lago con la caratteristica forma a cuore che lo rende unico.

Olfino (2km)

Ridente frazione di Monzambano, possiede una piccola chiesetta dedicata alla Santissima Trinità che conserva all’interno preziosi affreschi cinquecenteschi.

Pille ( 3km)

Altra frazione di Monzambano appollaiata sui punti più alti del paese, in località Monte  Oliveto offre una dimora signorile con la chiesetta dedicata a San Giuseppe.

Borghetto ( 4km)

Antico villaggio di mulini è bagnato dal fiume Mincio ed è inserito nell’elenco dei “Borghi più belli d’Italia”.

Peschiera del Garda ( 6km )

All’estremo sud del Lago, dove nasce il fiume Mincio, è rinomata turisticamente e storicamente

Sirmione ( 12km )

Bellissima penisola che si protende nel Lago di Garda è stata cantata da Catullo nelle sue odi.

Solferino ( 14 km )

Qui nacque, durante la guerra d’Indipendenza nel 1848, l’idea della Croce Rossa: da vedere il Sacrario e la “Spia d’Italia”.

San Martino della Battaglia ( 12 km )

Anche qui si ricorda la famosa battaglia tra Austriaci,Francesi e Piemontesi: dalla Torre si può ammirare tutta la distesa delle colline e il lago.